Neanche l’amore trasforma la Borsa dei destini – Libri – Bridge Italia

È stata proprio la volontà di approfondire questo confronto antropologico e sociale al tramonto della grande crisi che ha investito il globo ad iniziare dal 2008, che ha indotto Spada, non nuovo ad esperienze letterarie, a stilare le pagine del suo recente romanzo che s’intitola L’amore infelice (Lecce, Pensa MultiMedia, 2017, pp. 231, € 15). Il ritorno del protagonista Stefano Valli a Lecce dall’America ha il sapore di un ritrovamento e di un’agnizione, ma anche il tono amaro di una disillusione. È bello godere di nuovo la natura opulenta della terra salentina, le strade e i riferimenti della passata giovinezza, ma non del tutto gratificante notare i difetti macroscopici che ancora ammorbano la compagine sociale e l’assimilano all’immagine lampedusiana di un sostanziale immobilismo. Per chi arriva dagli States, il desiderio più grande è immergersi in una nuova dimensione, nel piacere dei tempi lenti del paese meridionale, nella condizione comunitaria dei legami personali. Ma cercare di cambiare e insieme ritornare al passato appare come un grande problema, giacché Lecce (ma potrebbe essere qualsiasi altra città del Sud) presenta invariabilmente una doppia faccia: da una parte mostra una borghesia aderente a valori che le sono propri, dall’altra si scopre una mentalità tradizionale, ligia ad antichi pregiudizi.Crisi personale e crisi economica corrono parallele verso una catarsi. Per l’economista Spada è difficile trattenersi, nei dialoghi creati tra i personaggi che entrano in scena, da attente considerazioni su cause e conseguenze del fenomeno in atto. Certo, la ragione in specie finanziaria non riesce a spiegare tutto quello che si svolge sull’altro versante delle decisioni umane, dei dubbi e dei mascheramenti, delle apparenze e dei desideri. Il gioco sfaccettato e drammatico della vita è più grande di ogni crisi e di ogni tentativo di addomesticare il destino, non rispettando né la volontà di cambiare né l’esplodere di sentimenti rivelatori.

FONTEVAI AL LIBRO

Articoli correlati

Leave Your Comment