Giuditta Alessandrini, Claudio Pignalberi (a cura di)

Comunità di pratica e pedagogia del lavoro. Voglia di comunità in azienda

Collana: Quaderni di Pedagogia del lavoro e delle organizzazioni
Anno: 2011
Pagine: 290
Formato: 14.00 x 21.00 cm
ISBN: 9788882328214

€ 18,00
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Il secondo numero dei “Quaderni di Pedagogia del lavoro e delle Organizzazioni” è dedicato al Seminario Internazionale “Conversazione con Etienne Wenger: voglia di comunità in azienda” che ha ospitato l’esperto della metodologia della comunità di pratica, accanto a docenti provenienti dal settore accademico (Roma Tre, Università Europea di Roma) e numerosi esperti di formazione e risorse umane provenienti dal mondo organizzativo e della pubblica amministrazione. Etienne Wenger è “l’iniziatore” della ricerca sulle comunità di pratica e sul tema è un autore di riferimento a livello internazionale. Il suo lavoro tuttavia non è di natura esclusivamente teorica. Come consulente, E. Wenger aiuta le organizzazioni a coltivare comunità di pratica e sviluppare sistemi di conoscenza in modo da potenziare la sinergia tra apprendimento e comunità. Il fascicolo ospita la relazione magistrale di Etienne Wenger e numerosi contributi distribuiti in cinque settori tematici: la comunità nello scenario delle tematiche della comunicazione nei contesti organizzativi e nella società; il rapporto tra comunità, tecnologia e contesti organizzativi; gli spazi dell’interazione comunitaria nella progettazione formativa, con particolare riguardo alla formazione continua e finanziata; le comunità di pratica nelle istituzioni educative, in particolare nella scuola; dimensioni della riflessione teorica sulle matrici pedagogiche del concetto di comunità di pratica. I focus del “fascicolo” sono i seguenti: Come accompagnare i processi di condivisione della conoscenza all’interno delle organizzazioni? Come legittimare le comunità di practitioners nelle aziende? Quali sono le condizioni per sviluppare processi di community building? Quali realtà aziendali del Paese hanno sviluppato best practices sulle comunità di pratica? Come si coniugano le tematiche dell’etica d’impresa con l’approccio alle comunità di pratica?