Michail M. Bachtin

Per una filosofia dell'atto responsabile

Collana: Il Segno e i suoi Maestri
Anno: 2009
Pagine: 185
Formato: 10.50 x 17.50 cm
ISBN: 9788882327040

€ 15,00
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Un termine chiave di tutto il discorso di Bachtin è  edinstvennyj, singolare, unico, irripetibile, eccezionale, incomparabile, sui generis, corrispondente al tedesco einzig. Si ricordi il titolo dell’opera di Max Stirner,  Der Einzige und sein Eigentum (1844); ma qui, a differenza dell’individuo egoista di Stirner, il riferimento è a una unicità, a una singolarità, aperta al rapporto di alterità con se stessa e con gli altri, una singolarità in collegamento con la vita dell’intero universo, che include nella sua  finitezza il senso dell’infinito, e che,  per certi aspetti, richiama “il singolo” di Søren Kierkegaard, autore ben noto a Bachtin: “Molto presto, prima che fosse tradotto in russo, già conoscevo Kierkegaard. [] Dostoevskij di lui non aveva la minima idea, certamente, ma la sua vicinanza a Dostoevskij è incredibile, la problematica quasi la stessa, e quasi la stessa profondità”. Ma la questione non è semplicemente se sia possibile la conoscenza del singolare, se sia possibile una mathesis singularis, o piuttosto inevitabilmente, soltanto una mathesis universalis, che procede per concetti, per classificazioni, per assemblaggi, sulla base di insiemi, generi, in cui il singolare, in un modo o nell’altro, viene inglobato sotto forma di individuo e identificato dall’appartenenza a tale o tal altro insieme a tale o tal altro genere. Si tratta anche di una questione che tocca direttamente la vita di ciascuno e che ha un’incidenza profonda su di essa, di una questione in cui entrano in gioco la qualità della vita e il riconoscimento della differenza singolare di ciascuno, per il fatto che l’organizzazione sociale stessa, la  modellazione culturale stessa della vita, funziona sulla base di classificazioni, di incasellamenti, di attribuzione di appartenenze, ricorre al genere, all’universale come condizione dell’identificazione, della differenziazione, della individuazione.

ISBN: 9788882327040

Per ulteriori informazioni vi rimandiamo all'associazione italiana studi semiotici