Anna Maria Colaci

L'educazione all'igiene nel ventennio fascista

Collana: Paideia
Anno: 2008
Pagine: 200
Formato: 14.50 x 21.00 cm
ISBN: 9788882326227

€ 18,00
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Il  volume, rientrante nell’ambito del progetto PRIN 2005, coordinato da  Hervé A. Cavallera, si è posto quale obiettivo quello di sollecitare una riflessione sulla questione igienica nel Ventennio Fascista, che, all’interno di un complesso dibattito, è fortemente ispirata da un preciso obiettivo: conseguire l’educazione permanente del cittadino, promuovendone la consapevolezza popolare su vasta scala da un punto di vista igienico-sessuale. I saggi degli autori, qui raccolti, affrontano, pertanto, il tema dell’alfabetizzazione sanitaria, l’importanza della predisposizione delle strutture assistenziali, la tutela della maternità e la legislazione riguardante le levatrici, oltre che le concezioni scientifiche dell’omosessualità ed il problema delle malattie veneree, senza sottovalutare la «nuova e diversa» prospettiva assunta dalla questione igienica, ossia quella sociale, soprattutto per quel che concerne il «costume» e la «razza».

Autore

Anna Maria Colaci
Anna Maria Colaci è docente di Storia dell’educazione e Storia della Scuola presso l’Università del Salento. I suoi interessi scientifici sono orientati verso una ricostruzione storica del processo formativo, attraverso il contributo non solo degli specialisti di pedagogia, ma altresì di quegli ambienti culturali destinati ad influenzare la formazione delle coscienze, della cultura e dei comportamenti del tempo. Tra le pubblicazioni, sono da segnalare le seguenti monografie: La riflessione pedagogica in Saverio De Dominicis (Lecce 2003); Il modello femminile in Gina Lombroso (Lecce 2006); Salvatore Morelli. La controeducazione come innovazione formativa (Lecce 2011), ed i volumi, a cura dell’autrice: Percorsi al femminile tra ’800 e ’900. I diversi volti di Venere (Milano 2018); Bisogna fare i maestri. L’educazione del popolo da Giuseppe Lombardo Radice ai nostri giorni (Lecce 2018)