Pasquale Guaragnella (a cura di)

Forme del ridere. Studi di letteratura italiana

Collana: Mneme
Anno: 2007
Pagine: 348
Formato: 14.50 x 21.00 cm
ISBN: 9788882324544

€ 22,00
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Nella scia del riso di Boccaccio, Niccolò Machiavelli, sensibile come pochi altri alla dimensione del comico, nel prologo alla Clizia scrive: «sono trovate le commedie per giovare e per dilettare alli spettatori [...]. Ma, volendo dilettare, è necessario muovere li spettatori a riso, il che non si può fare mantenendo il parlare grave e severo, perché le parole, che fanno ridere, sono o sciocche, o ingiuriose, o amorose; è necessario, pertanto, rappresentare persone sciocche, malediche, o innamorate: e perciò quelle commedie, che sono piene di queste tre qualità di parole, sono piene di risa; quelle che ne mancano, non trovano chi con il ridere le accompagni».