La stratonica

Collana: La Stadera
Anno: 2003
Pagine: 196
Formato: 14,5x21cm
ISBN: 9788882322998

€ 20,00
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

La Stratonica, primo romanzo di Luca Assarino, pubblicato tra il 1635 ed il 1637 e prontamente tradotto in francese, inglese e tedesco, si attesta tra i romanzi più letti del nostro Seicento. Testo rappresentativo di quel filone “psicologico” in cui prevale l’interesse verso l’analisi dei personaggi, La Stratonica appartiene ad una tipologia romanzesca, che si distingue dall’affermato modello avventuroso-galante, basato sull’intreccio, con il quale ancora spesso si identifica il romanzo barocco. Il testo ripropone la storia dell’amore segreto del giovane principe Antioco per la sua bellissima matrigna, ma la rielaborazione assariniana della “storica” vicenda presenta un’accentuazione dell’interesse verso il mondo delle passioni e l’analisi del comportamento, che permette al romanziere di indagare le fluttuazioni e le incoerenze dei sentimenti e di costruire personaggi e relazioni più complesse in un contesto comunicativo dominato dalla dissimulazione e dal segreto. Sullo sfondo di una sontuosa vita di corte, caratterizzata da una pervasiva dimensione spettacolare dove la finzione coinvolge ogni livello sia sociale che privato, e in cui non mancano congiure e tradimenti, il romanzo di Assarino intende offrire una visione dell’esistenza pervasa dall’instabilità, dal mistero, dalla pluralità di prospettive e dal silenzio, dove risulta sempre più necessaria “l’arte di osservare gli uomini”. Nell’incertezza dominante, che è anche crisi di saldi riferimenti ideologici e morali, la passione dei due innamorati, nucleo centrale del romanzo, vive interpretando segni e finisce per rappresentare l’emblema di una condizione esistenziale più generale, in cui la consapevolezza della dialettica verità/apparenza impone necessariamente un’arte della decifrazione, una conoscenza che procede per indizi.