Maria Concetta Rossiello 

Se vecchiaia significa dis-abilità. Per una pedagogia della maturità/senilità

Collana: Radici e Futuro Collana di Pedagogia speciale
Anno:  2019
Pagine: 164
Formato:  17.00 x 24.00 cm
ISBN: 9788867606467

€ 20,00
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Aprirsi alla complessità delle vecchiaie significa porsi in posizione d’ascolto, saper cogliere i bisogni e le potenzialità che ad esse competono per attivare un nuovo approccio allo studio degli anziani nell’ottica di una pedagogia speciale per le vecchiaie intesa come un processo di espansione delle opportunità e delle libertà di cui gli individui possono effettivamente godere. Ciò che conta è quanto e cosa le vecchiaie riescono a fare con le risorse che hanno a disposizione così che il ben-essere possa essere valutato nello spazio delle capacità e delle funzionalità di ciascuno in un contesto socialmente condiviso in cui la libertà educativa diviene, in un’ottica inclusiva, libertà di sviluppo, partecipazione, emancipazione. Il modello di riferimento per la costruzione di una pedagogia inclusiva della maturità/senilità diviene necessariamente il modello dei diritti umani per una società di tutti in cui ogni cittadino, nel nostro caso ogni anziano, può svolgere senza ostacoli tutte le attività che desidera. Se, allora, ripensare le vecchiaie significa interrogarsi sulla qualità e sul ben-essere dei nostri anziani, includerle richiederà un passaggio ulteriore: il riconoscimento delle competenze che le vecchiaie possiedono per la costruzione di un welfare inter-trans-generazionale. Per far emergere tali competenze è necessario che l’anziano venga posto nella condizione di ri-conoscersi e, dunque, di autodeterminarsi partendo dalla presa in carico della propria personale, unica ed irripetibile storia di vita.

ISBN: 9788867606467