Diego Símini (a cura di)

Opporre non poté se non deriva

Collana: La Quinta del Sordo
Anno:  2017
Pagine: 304
Formato:  13.00 x 20.00 cm
ISBN: 9788867605200

€ 24,00
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Opporre non poté se non deriva La poesia spagnola è dotata di un ricco ventaglio di gruppi, tendenze e idee poetiche, di cui in questa antologia si è cercato di individuare quelle che meglio rappresentano l’humus degli ultimi decenni. La maggior parte dei poeti qui presenti sono nati tra la seconda metà degli anni ’50 e i primi anni ’60 e si affacciano alla ribalta nei primi anni della democrazia. Ad essi si affiancano alcune voci di poeti più giovani. Troviamo la Nueva sentimentalidad che prende l’avvio dai poeti realisti degli anni ’50. Una seconda corrente, derivata dai Novísimos, presenta tinteggiature surrealiste o neoavanguardiste e tenta  di inserirsi nei mezzi di comunicazione di massa. Presentiamo alcuni rappresentanti della Poesía  de la edad, attenta al senso del trascorrere  del tempo, con una pronunciata tendenza alla  commozione e al tragico. La poesia spagnola di fine millennio e di inizio  del nuovo non si esaurisce nelle correnti indicate.  Vi si riscontrano altre linee di tendenza che questa antologia cerca di ricostruire.  I poeti selezionati manifestano una forte tendenza lirica, un forte aggancio a modelli classici della tradizione  spagnola (per citare solo i principali Santa Teresa d’Avila,  Garcilaso de la Vega, Góngora, Juan Ramón Jiménez, García Lorca, Blas de Otero, Claudio Rodríguez)  ma anche suggestioni provenienti da altre civiltà  poetiche, come le riletture dei francesi Mallarmé,  Celan, Jabès, Bonnefoy, degli anglofoni Yeats, T.S. Elliot, Ezra Pound, e dei grandi ermetici italiani Ungaretti, Quasimodo e Montale.  Il lettore troverà in questo libro una panoramica che  lo aiuterà a muoversi nella folta e intricata selva di  poeti spagnoli attivi negli ultimi decenni.

ISBN: 9788867605200