Fra’ Servando Teresa de Mier

Memorie

A cura di Diego Símini

Collana: La Quinta del Sordo
Anno: 2016
Pagine: 436
Formato: 13x20cm
ISBN: 9788867604043

€ 30,00
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Vent’anni dopo l’indipendenza degli Stati Uniti, mentre in Francia infuria la Rivoluzione, in Messico si cominciano a percepire i primi scricchiolii del sistema coloniale, attraverso le polemiche religiose. Nel 1794, un frate domenicano pronuncia un sermone in cui difende la tesi secondo cui il culto alla Vergine di Guadalupe è precedente all’arrivo degli spagnoli nel Nuovo continente. Una tale affermazione rischia di minare alle radici la legittimità del potere coloniale, perciò il vescovo di Città del Messico agisce con inusitata severità nei confronti del domenicano. Arrestato, processato, deportato in Spagna, Fra’ Servando attraverserà una serie di vicissitudini, in Messico e in Europa, che sono l’oggetto di queste Memorie, interessante documento di un mondo in bilico tra la modernità e la contemporaneità. Il frate è testimone dell’arretratezza delle strutture sociali e religiose dei Paesi del Mediterraneo, ma ne percepisce anche i germi di trasformazione. Uniche nel loro genere, queste Memorie aprono una finestra nuova su un aspetto misconosciuto della storia messicana ed europea.

Fra’ Servando Teresa de Mier (Monterrey 1765 – Città del Messico 1827) Entrato giovanissimo nell’Ordine dei Domenicani, esprimeva una notevole inquietudine intellettuale, che lo fece riflettere sulle basi del potere coloniale spagnolo nelle Americhe. Predicatore di successo, fu arrestato in seguito a un sermone in cui propugnava l’esistenza di un cristianesimo messicano precedente all’arrivo degli spagnoli. Incarcerato ed esiliato in Spagna, sfuggì diverse volte ai suoi carcerieri ed ebbe per alcuni anni una vita raminga in Europa. A Roma ottenne dal papa la secolarizzazione, ovvero il distacco dall’Ordine di appartenenza, Rientrato in Messico, partecipò alla lotta per l’indipendenza e fu riconosciuto come precursore dello sviluppo dell’idea di un Paese politicamente slegato dalla madre patria.