Renata Cotrone

La tristitia del presente. Tra Lumi e cultura romantica. Aspetti teorici ed esperienze di scrittura

Collana: La Stadera
Anno: 2014
Pagine: 230
Formato: 14.50 x 21.00 cm
ISBN: 9788867602261

€ 19,00
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Il volume si propone principalmente come riconsiderazione di alcune esperienze di pensiero e di scrittura maturate lungo l’arco del secondo Settecento e dei primi decenni dell’Ottocento: ad accomunarle è l’insistito senso di insoddisfazione, tristitia, a fronte degli scenari poco rassicuranti delineati dal presente, in un’epoca che in vertiginosa sequenza vede avvicendarsi l’entusiasmo riformatore dei philosophes, l’evento rivoluzionario, la ‘normalizzazione’ napoleonica e infine la Restaurazione. In questo quadro di attese e ‘percorsi’, assume rilievo un fondamentale nucleo tematico, diversamente interpretato e riutilizzato, e cioè il riferimento all’antico, alternativamente guardato come sfondo memoriale – costituito anche di vitalità e grandezza – o come polo antitetico di confronto rispetto al quale prefigurare i destini (non solo letterari) della modernità. Nell’un caso e nell’altro, il soggetto sperimenta una condizione ‘esistentiva’ variamente rovinosa e inquieta, sospesa fra splendore e oscurità, felicitas publica e ‘terrore’, fiducia nella raison e appercezione della sua inefficacia e illusorietà.

[embed]https://issuu.com/pensamultimedia/docs/sfogliabilecotrone[/embed]

Autore

Renata Cotrone
Renata Cotrone insegna Letteratura italiana nell’Università di Bari Aldo Moro. Studiosa delle idee e delle forme letterarie, ha analizzato aspetti rilevanti della cultura novecentesca, in saggi e contributi sulla riflessione critico-estetica di Piero Gobetti, sull’impegno di Tommaso Fiore, su Pratolini e il dibattito relativo alla poetica del realismo negli anni Cinquanta e su questioni di teoria e metodologia letteraria. Ha dedicato un’assidua e approfondita attenzione a temi e figure della cultura italiana sette-ottocentesca: ripetutamente si è occupata di Foscolo, Alessandro e Pietro Verri, e di intellettuali di spicco nel panorama letterario della Restaurazione (di Breme, Visconti, Scalvini). Fra le sue pubblicazioni si segnalano: Ugo Foscolo: pensare il «bello». La natura, la mimesi, le arti (B.A. Graphis 2003); «I più grandi uomini stanno da sé». La cultura estetica di Alessandro Verri (Palomar 2007); Latristitia del presente. Tra Lumi e cultura romantica. Aspetti teorici ed esperienze di scrittura (Pensa MultiMedia 2014)