Francesca Medaglia

La scrittura a quattro mani

Collana: La Stadera
Anno: 2014
Pagine: 332
Formato: 14.00 x 21.00 cm
ISBN: 9788867601547

€ 23,00
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Questo lavoro di ricerca indaga il funzionamento della prassi scrittoria a quattro o più mani con le sue implicazioni teorico-letterarie e il ruolo assunto dall’autore, ad essa connesso. A fondamento di tale analisi risulta di grande importanza il problema del ruolo assunto dall’autore all’interno del panorama critico e letterario della letteratura europea. In realtà, però, per quanto numerosi siano gli studi sulla teoria della morte autoriale, e sul superamento stesso della figura dell’autore, sinora non è emerso un preciso tentativo di dare una definizione appropriata di scrittura a quattro mani, all’interno della quale il mutamento della 'figura-autore' appare maggiormente evidente.

Già Calvino sosteneva, infatti, che "più l’opera tende alla moltiplicazione dei possibili più si allontana da quell’unicum che è il self di chi scrive [] magari fosse possibile un’opera concepita al di fuori del self, un’opera che ci permettesse d’uscire dalla prospettiva limitata d’un io individuale []", ma, anch’egli si ferma alle soglie della scrittura a quattro mani. In questa linea di ricerca è stato possibile rinvenire nella scrittura a quattro mani la "creolizzazione" dell’autore, seguendo la teoria di É. Glissant secondo il quale "il mondo si creolizza". La scrittura a quattro mani è, in conclusione, l’ambito in cui l’autore diviene bifronte e co-creatore: l’interesse della critica letteraria non si focalizza più sull’opera in se stessa o sulle sue caratteristiche costituenti, ma sul rapporto comunicativo e generativo tra i suoi autori.

[embed]https://issuu.com/pensamultimedia/docs/sfogliabile_af43ab0d4596e7[/embed]